FAQ

Le FAQ devono essere inviate all’indirizzo mail:  vallisavonesi.gal.info@cersaa.it

Bando Intervento 6.4.41- Adeguamento delle strutture ricettive esistenti alle esigenze del progetto Experience

(vedere anche risposte a quesiti per il Bando 6.4.33-34-35)

Quesito (del 13.02.2020 prot. CeRSAA 144/2020):

  • nel capitolo “condizioni di ammissibilità dei beneficiari”, viene specificato che “gli immobili oggetto dell’attività devono essere nella disponibilità giuridica del richiedente e risultare nel fascicolo aziendale”. Con il termine “richiedente” credo si voglia indicare i soggetti indicati al punto 6 del bando, cioè i beneficiari del sostegno.
  • Si chiede, inoltre, con il termine disponibilità giuridica, a parte il diritto di proprietà, quali altri titoli di possesso o di disponibilità degli immobili vengono richiesti, quindi ritenuti validi ai fini del bando, e che durata devono avere per il pieno rispetto del vincolo di destinazione d’uso.
  • Infine se la disponibilità giuridica va dimostrata sia per gli interventi su beni immobili, sia per acquisto di macchinari, attrezzature ed in generali beni  mobili.

Risposta:

  • Con il termine “richiedente” si intende il beneficiario del sostegno, di cui al punto 6 del Bando.
  • Con “disponibilità giuridica” si intende, per il suddetto Bando, titolo di conduzione dell’immobile quali: proprietà, affitto, usufrutto.
  • Per quanto riguarda il periodo di disponibilità giuridica, questo dovrà coincidere con il vincolo di destinazione d’uso (eccezione per la proprietà) quando l’immobile è oggetto di investimento: come da capitolo 8.1 del PSR e DGR 143/2019, per gli investimenti realizzati con il sostegno del PSR, il vincolo di destinazione d’uso è:
  • 10 anni per i beni immobili
  • 5 anni per gli altri investimenti

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Bando Intervento 6.4.33-34-35- Creazione/ adeguamento di strutture multifunzionali al servizio e all’accoglienza del turismo Outdoor.

(Vedere anche risposte a quesiti per il Bando 6.4.41)

Quesiti in merito ai Criteri di selezione (del 03/04/2020 prot. CeRSAA 272/2020)

Principio di selezione: CARATTERISTICHE DEL BENEFICIARIO

Domanda: se apro una nuova PIVA per l’attività, prendo punteggio per creazione posti di lavoro?

Risposta: il punteggio è assegnato ai beneficiari che hanno PIVA aperta al momento della presentazione della domanda di sostegno: 15 punti ad azienda agrituristica (codice Ateco 01), 10 punti  ad impresa turistica ricettiva (codice Ateco 55), zero punti ad attività condotta non in forma imprenditoriale.

Principio di selezione: COERENZA DEL PROGETTO CON GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA SSL

  • Consolidamento turismo outdoor

Domanda: è sufficiente acquistare attrezzatura se individuiamo attività interessanti?

Risposta: Per acquisire il punteggio il progetto deve prevedere acquisito di attrezzatura per turismo outdoor (es. biciclette, stazione gonfiaggio/riparazione biciclette, ecc. o realizzazione di bike-room, percorsi su terreni aziendali,ecc….Invece, per es. un campo da bocce, una piscina, ecc., nell’area della struttura, pur essendo interventi finanziabili, non danno punteggio.

  • Promozione offerta turistica integrata e sostenibile: possibile collaborazione con altre categorie turistiche.

Domanda: Anche  un B&B non a carattere imprenditoriale può prendere punteggio?

Risposta: Si.

Domanda: Si devono già indicare specificatamente nel progetto, o basta l’indicazione salvo presentare poi i contratti di collaborazione al saldo, in caso ci si aggiudicasse il bando?

Risposta: Al momento della presentazione della domanda di sostegno, si possono produrre bozze di contratto, accordi, ecc. o una DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL’ATTO DI NOTORIETA’ (Art.47 del D.P.R. 28/12/2000, n.445) in cui si dichiara l’intenzione a stipulare accordi, contratti, convenzioni, ecc.  con eventualmente indicazioni dei soggetti coinvolti.  Al momento della domanda di pagamento di saldo, gli accordi, contratti, convenzioni, ecc. dovranno essere presentati sottoscritti o si incorre nella riduzione del punteggio con conseguente riduzione del contributo come riportato nel Bando.

  • Qualificazione risorse umane

Domanda: anche  un B&B non a carattere imprenditoriale può prendere punteggio?

Risposta: Si

Domanda: Come conoscenze informatiche cosa si intende?

Risposta: si intende una conoscenza di base delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse. Si possono presentare Attestati di Corsi o il Curriculum Vitae datato e sottoscritto, che deve riportare le mansioni e le competenze. In questo secondo caso occorrono 5 anni di esperienza professionale in cui si sono usate/acquisite competenze informatiche.

Il Curriculum Vitae va presentato sotto forma di autocertificazione, ovvero con la dicitura:

“Il/la sottoscritt…………………………………..,
consapevole che le dichiarazioni false comportano l’applicazione delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000, dichiara che le informazioni riportate nel seguente curriculum vitae, corrispondono a verità.”

Domanda: ho lavorato per circa 30 anni in Agenzia di Viaggio e sono direttore tecnico: è una caratteristica che può rientrare nei 5 anni di esperienza professionale richiesti?

Risposta: In generale, per le esperienze professionali va esibito Curriculum Vitae, datato e sottoscritto, che deve riportare le mansioni e le competenze acquisite. Se queste saranno nei settori accoglienza e/o conoscenza e promozione del territorio e/o conoscenze linguistiche, informatiche, si acquisisce punteggio (con 5 anni di esperienza).

Il Curriculum Vitae va presentato sotto forma di autocertificazione, ovvero con la dicitura:

“Il/la sottoscritt…………………………………..,
consapevole che le dichiarazioni false comportano l’applicazione delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000, dichiara che le informazioni riportate nel seguente curriculum vitae, corrispondono a verità.”

Principio di selezione: QUALITA’ DEL PROGETTO

  • Adesione a reti/consorzi di imprese turistiche

Domanda: anche  un B&B non a carattere imprenditoriale può prendere punteggio?

Risposta: Si, se l’adesione a Rete d’impresa/Consorzio da parte di un soggetto privato è consentita dalla normativa vigente di riferimento.

Domanda: Si devono già indicare specificatamente nel progetto, o basta l’indicazione salvo presentare poi i contratti di collaborazione al saldo, in caso ci si aggiudicasse il bando?

Risposta: Al momento della presentazione della domanda di sostegno, si possono produrre bozze di contratti o una DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL’ATTO DI NOTORIETA’ (Art.47 del D.P.R. 28/12/2000, n.445) in cui si dichiara l’intenzione a far parte di una Rete d’impresa/Consorzio con eventuali indicazioni specifiche. Al momento della domanda di pagamento di saldo, si deve aver aderito, quindi fornire Contratto o altro documento sottoscritto o si incorre nella riduzione del punteggio con conseguente riduzione del contributo come riportato nel Bando.

Quesiti in merito ai Criteri di selezione (del 09/04/2020 prot. CeRSAA 276/2020)

Principio di selezione: QUALITA’ DEL PROGETTO

  • Sostenibilità ambientale dell’intervento proposto

Domanda: è possibile avere un esempio di tecniche eco-sostenibili? Ad esempio, il fatto che le biciclette da acquistare siano elettriche, si può considerare tecnica eco-sostenibile?

Risposta: il Bando riporta al Criterio di selezione: “Considerando la sostenibilità ambientale dell’intervento proposto, gli interventi previsti saranno realizzati con tecniche eco- sostenibili descritte nel progetto”

Per sostenibilità ambientale, si intende tutela dell’ambiente e risparmio di risorse naturali. L’intervento risponderà quindi al concetto di sostenibilità ambientale, se gli interventi si realizzeranno con tecniche eco-sostenibili piuttosto che con tecniche comuni, quali ad esempio l’impiego di materiali biocompatibili, il riciclaggio/riuso di rifiuti organici ovvero la trasformazione di queste materie di scarto in “materie prime-seconde”, il riutilizzo dell’acqua piovana, l’utilizzo di energie rinnovabili (es. energia idroelettrica, solare – intesa sia come solare-termica che come fotovoltaica – eolica, marina e geotermica).

Nel caso specifico della bicicletta elettrica: essa è un mezzo ecologicamente più sostenibile rispetto ad altri mezzi di trasporto quali motorini o auto. Tuttavia, nello specifico del progetto Outdoor, dove la bici elettrica è un’alternativa alla bicicletta a pedali, essa non può essere considerata un intervento che risponde alla sostenibilità ambientale come prima descritta (tutela dell’ambiente e risparmio di risorse naturali).

  • In progettazione è previsto un accordo sottoscritto tra più strutture ricettive per l’organizzazione della gestione di noleggio bici

Domanda: L’accordo di collaborazione per l’organizzazione della gestione di noleggio bici, può essere sottoscritto (con validità ai fini del punteggio) anche con una struttura ricettiva che non possiede biciclette proprie e che non intende partecipare al bando per acquistarne di nuove, ma che invece è interessata a veicolare i propri ospiti presso la struttura che possiede le bici elettriche acquistate attraverso il bando?

Risposta: Si premette che, per noleggio bici si intende attività economica imprenditoriale ( di cui al codice Ateco 77.21.01)

Il punteggio viene attribuito se, per es. più strutture ricettive si accordano per il noleggio di una flotta di biciclette e quindi ne organizzano la gestione in maniera collaborativa. Oppure se per es., in base all’accordo, stipulano convenzioni per gli ospiti con un’azienda di noleggio che si trova nelle vicinanze delle strutture o comunque scelta in maniera condivisa.

 

Quesiti in merito ai Requisiti del beneficiario (del 21/04/2020 prot. CeRSAA 314/2020)

Domanda: Prevalenza dell’attività agricola: tale requisito va inteso come prevalenza dell’attività agricola rispetto a quella agrituristica (confronto tra le giornate lavorative dedicate) o come prevalenza dell’attività agricola rispetto ad altre attività esercitate dal soggetto?

 Risposta: nel bando (che riporta al punto 6. “Beneficiari-  Agriturismi: Imprese agricole dotate di partita IVA attiva con codice attività riferito all’attività agricola prevalente e che esercitano o intendono esercitare attività agrituristica connessa così come definite dall’art. 2 della LR 37/2007”) si intende:  Attività agricola prevalente rispetto all’attività agrituristica (allegato7 al bando per la valutazione della prevalenza).

Domanda: B&B condotti in forma non imprenditoriale: tali attività devono poi essere condotte in modo imprenditoriale al termine del piano di sviluppo (con l’apertura della partita IVA)?

Risposta: Al momento della presentazione della domanda di saldo, bisogna risultare iscritti alla Banca dati regionale delle strutture ricettive. Non è necessaria P.IVA  se si svolge attività consentita in modo non imprenditoriale di cui alla LR 32/2014.

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Bando INTERVENTO 4.1.49- Recupero di terre incolte su pendici terrazzate

 

Quesito (del 10.04.2020 prot. CeRSAA 278/2020):

Premesso che l’intervento principale (senza di esso non si può inoltrare richiesta di contributo sul presente bando) è il recupero di terreni incolti o abbandonati posizionati su pendici terrazzate, è ammessa la possibilità di proporre a finanziamento l’acquisto di attrezzature direttamente connesse all’intervento principale.

L’elenco delle attrezzature indicate nel bando tra parentesi, a nostro avviso, è da interpretarsi a titolo esemplificativo, in quanto la tipologia di attrezzature varia con il variare della coltura interessata dall’intervento principale. Ad esempio, se una domanda ha per oggetto il recupero di oliveti in stato di abbandono, fra le attrezzature direttamente connesse ci può essere una motosega, un decespugliatore, una trincia per trattore, ma anche un abbacchiatore per olive, una motopompa per trattamenti fitosanitari, una trincia semovente, ecc.

Secondo questo concetto le attrezzature collegate ad altri tipi di colture possono essere differenti da quelle collegate all’uliveto.

Inoltre, in questi primi giorni di apertura del bando, quindi di primi contatti con le aziende, alcune ci chiedono la possibilità di inserire anche i trattori agricoli necessari per il funzionamento di alcuni tipi di attrezzature es. trincia, pompa irroratrici per trattamenti fitosanitari, ecc.

Risposta: Come giustamente evidenziato nella premessa della domanda, lo scopo del bando è il recupero dei terreni incolti ed abbandonati su superfici terrazzate. Oltre quindi alle operazioni individuate sul bando per il recupero, vi è la possibilità di acquisto di attrezzatura direttamente connessa al tipo di intervento .

Si può coerentemente ritenere non esaustivo l’elenco delle attrezzature elencate a bando, tenendo presente che le attrezzature inserite nella domanda di finanziamento devono essere riconducibili al tipo di intervento e di coltura recuperata.

Si ricorda che questo bando non finanzia macchine come trattrici e motoagricole.