FAQ

Le FAQ devono essere inviate all’indirizzo mail:  vallisavonesi.gal.info@cersaa.it

Bando Operazione 6.4.41:

Quesito (del 13.02.2020):

  • nel capitolo “condizioni di ammissibilità dei beneficiari”, viene specificato che “gli immobili oggetto dell’attività devono essere nella disponibilità giuridica del richiedente e risultare nel fascicolo aziendale”. Con il termine “richiedente” credo si voglia indicare i soggetti indicati al punto 6 del bando, cioè i beneficiari del sostegno.
  • Si chiede, inoltre, con il termine disponibilità giuridica, a parte il diritto di proprietà, quali altri titoli di possesso o di disponibilità degli immobili vengono richiesti, quindi ritenuti validi ai fini del bando, e che durata devono avere per il pieno rispetto del vincolo di destinazione d’uso.
  • Infine se la disponibilità giuridica va dimostrata sia per gli interventi su beni immobili, sia per acquisto di macchinari, attrezzature ed in generali beni  mobili.

Risposta:

  • Con il termine “richiedente” si intende il beneficiario del sostegno, di cui al punto 6 del Bando.
  • Con “disponibilità giuridica” si intende, per il suddetto Bando, titolo di conduzione dell’immobile quali: proprietà, affitto, usufrutto.
  • Per quanto riguarda il periodo di disponibilità giuridica, questo dovrà coincidere con il vincolo di destinazione d’uso (eccezione per la proprietà) quando l’immobile è oggetto di investimento: come da capitolo 8.1 del PSR e DGR 143/2019, per gli investimenti realizzati con il sostegno del PSR, il vincolo di destinazione d’uso è:
  • 10 anni per i beni immobili
  • 5 anni per gli altri investimenti